Un weekend da trascorrere in spiaggia o tra i boschi. Autunno rimandato!

Un weekend da trascorrere in spiaggia o tra i boschi. Autunno rimandato!

Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Nonostante la chiusura delle scuole in diversi comuni per allerte meteo farlocche con il codice arancione ed un modesto temporale che ha fruttato solo 30mm di pioggia in città, al momento questa fase autunnale sta scorrendo senza alcuna criticità.

Le ultime nubi hanno abbandonato ormai definitivamente la Sicilia ionica, al loro posto sole, un clima nuovamente dal sapore tardo estivo e stabilità. 

Questo secondo weekend d’ottobre sarà pertanto contraddistinto dall’azione netta e decisa di una rimonta anticiclonica piuttosto vasta e supportata da valori termici quasi estivi. La ventilazione debole consentirà ancora di poter andare a mare nelle ore centrali del giorno, potendo contare su un sole ancora cocente e temperature esterne e marine ancora pienamente idonee alla balneazione. Per molti versi sembra davvero che l’estate 2019 non sia mai finita!

Per altri invece, sarà un weekend da trascorrere tra i boschi in cerca delle prime castagne, funghi, minestra selvatica e tanto relax. Temperature che oscilleranno tra 19°C di minima e + 28°C di massima.

Da segnalare solo un modesto e debole scirocco che si avvertirà solo tra Ganzirri e Capo Peloro, per il resto poco o nulla da segnalare se non una residua risacca ionica ma ormai in fase di esaurimento.

La stabilità atmosferica continuerà a caratterizzare positivamente il tempo anche lunedì, ma nel frattempo la ventilazione si disporrà da scirocco, sintomo che ad ovest della Sardegna sta per avanzare una debole perturbazione atlantica responsabile di un modesto richiamo mite e nuvolosità irregolare che vagherà anche nei cieli del centro/sud entro Mercoledì 16.

A seguire rientro delle temperature sui valori tipici del periodo e variabilità, in attesa delle grandi manovre bariche autunnali al momento intraviste solo nel lungo termine.

Foto di copertina di Antonio Aloisi.

 

 

Pubblicato il 12/10/2019 00:41

Altri articoli che potrebbero interessarti