Un vortice mediterraneo in rotta verso la Sicilia

Un vortice mediterraneo in rotta verso la Sicilia

Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

prog_sat_vis_msgIl mar Mediterraneo è pronto a sfornare la prima perturbazione del mese di marzo. L’aria gelida siberiana che in modo retrogrado aveva puntato l’Italia sfociando dalla porta del Rodano, si è mescolata in questi giorni con quella più umida ed instabile mediterranea tale da generare un vortice sulla penisola iberica. Esso, nel suo spostamento verso est, tenderà a potenziarsi ulteriormente grazie al contributo del nord Africa e si collocherà entro Sabato 2 marzo proprio nei pressi della Sicilia per poi dissolversi definitivamente domenica sullo Ionio. Per tali motivi, Venerdì 1 marzo inizierà un deterioramento delle condizioni atmosferiche ad iniziare dalla riviera ionica messinese con precipitazioni sparsi in intensificazione nel pomeriggio/sera.  Altrove alternanza di velature compatte ed annuvolamenti, mentre lo scirocco intensificherà le sue raffiche soprattutto da Ganzirri a Capo Peloro, segno che la depressione è in avvicinamento. Sabato, 2 marzo, sarà la giornata clou meritevole di un’allerta meteo ,con fenomeni anche a carattere temporalesco soprattutto tra le Isole Eolie ed il basso tirreno, mentre altri in formazione sullo  Ionio punteranno la Calabria e la Sicilia orientale con fenomeni localmente intensi ed insistenti. Bisogna valutare pertanto la componente dei venti al suolo, determinante per la consistenza e la tipologia dei fenomeni in questione. Se sarà levante, lo Stretto di Messina verrà parzialmente schermato dalla protezione aspromontana  a scapito di altre che si troveranno fuori da questo raggio d’azione. In serata persisteranno le piogge soprattutto sul messinese e zone ioniche in seguito all’occlusione del vortice e con la rotazione della ventilazione da grecale e tramontana. Domenica 3 marzo il tempo migliorerà ulteriormente con la cessazione graduale e definitiva delle precipitazioni su quasi tutte le zone, anche se transiteranno residui annuvolamenti cumuliformi sui Peloritani.549168_223312717813465_1440892716_n

Pubblicato il 28/02/2013 17:51

Altri articoli che potrebbero interessarti