Sole lungo le coste, cumulonembi nelle zone interne e montuose!

Sole lungo le coste, cumulonembi nelle zone interne e montuose!

Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Mari calmi o poco mossi, tanto sole lungo le coste e primi tepori dal sapore tardo primaverili, ma anche temporali nelle zone interne e montuose, tuoni fragorosi e locali grandinate.

Ecco la primavera in Sicilia, se non fosse che da quando è subentrato il mese d’aprile non sono più giunte verso la nostra Regione perturbazioni organizzate, sta andando tutto come deve andare senza particolari vicende anomale da segnalare.

Analizzando la situazione attuale, proprio in prossimità della Sicilia staziona in quota una debole goccia fredda supportata da valori in quota di – 20°C a 500 hpa. In un contesto anticiclonico e condito da un discreto soleggiamento e temperature in forte ascesa non appena il sole scalda i bassi strati, ecco il fiorire di imponenti formazioni cumuliformi destinati a divenire in breve tempo cumulonembi. E’ accaduto ieri inizialmente sull’Etna con spettacolari grandinate in quota e nevicate intorno i crateri sommitali, a seguire anche nella Sicilia centrale, ennese, zone interne del palermitano e sugli Iblei. Tali temporali possono scatenarsi in breve tempo ed evolvere in grossi sistemi temporaleschi anche di forte intensità, mentre a pochi chilometri non accade praticamente nulla se non addirittura un aumento del tasso d’umidità e la sensazione di caldo.

Accadrà così anche oggi, Domenica 22 aprile, con altri intensi temporali sempre sulle medesime zone, anzi probabilmente i focolai temporaleschi potrebbero fiorire simultaneamente in più zone sia di Sicilia che Calabria.

Si confermano invece condizioni stabile ed assai gradevoli lungo le coste dove si apprezzerà un clima quasi tardo primaverile, ideale per tintarelle, passeggiate ed escursioni in barca. Locali addensamenti nel pomeriggio a ridosso dell’Aspromonte, quindi dello Stretto di Messina.

Nessuna allerta meteo dunque, solo semplice termo convezione primaverile tipica della stagione in corso e dell’orografia italiana. E’ chiaro che in concomitanza di un temporale, urge sempre massima cautela e precauzione in quanto risulta sempre un fenomeno potenzialmente temibile. A corredo gli accumuli previsti nelle zone indicate e soggette a precipitazioni.

 

Pubblicato il 22/04/2018 00:42

Altri articoli che potrebbero interessarti