Schiarite, annuvolamenti repentini ed acquazzoni diffusi. Tanta instabilità almeno sino a Giovedì.

Schiarite, annuvolamenti repentini ed acquazzoni diffusi. Tanta instabilità almeno sino a Giovedì.

Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

E’ stata una domenica instabile su gran parte del nostro Paese, a tratti perturbata al Sud e temporalesca, in particolar modo tra Calabria, Basilicata e Puglia dove si sono avvicendati intensi temporali anche con grandine. E’ stata una domenica inaffidabile in Sicilia, in particolar modo nel settore orientale e montano con piovaschi al mattino, anche qualche isolato temporale e qualche acquazzone in serata qua e là, il tutto condito da forti raffiche di ponente nel pomeriggio, anche alquanto fresco.

La perturbazione atlantica in ingresso dalla Francia ha isolato sul mar Tirreno un insidioso cut-off che condizionerà gran parte della settimana, almeno fino alla giornata di Giovedì 16 grazie l’arrivo di nuovi impulsi d’aria fredda da nord est.

Tale ferita barica al centro del Mediterraneo alimenterà diffuse condizioni instabile sia in mare aperto che nelle aree interne e montuose nelle ore centrali e pomeridiane, sarà un fiorire di cumulonembi e congesti in grado di arrecare in modo irregolare acquazzoni, rovesci e temporali, mentre altre zone verranno risparmiate. Particolarmente esposte le aree interne e montuose di Sicilia e Calabria, a fasi alterne anche le coste sia del versante tirrenico che ionico. Anche l’area dello Stretto di Messina sarà dentro questo continuo via vai di schiarite ed annuvolamenti, sarà provvidenziale munirsi di ombrelli e mantelline, in un contesto tipicamente marzolino anche dal punto di vista termico.


Le tendenze per il proseguo della settimana indicano un cambio circolatorio intorno venerdì 17 con la rimonta di masse d’aria nettamente più calde d’estrazione nord africana, ma altrettanto umide ed instabili, messe in moto da una nuova circolazione depressionaria stavolta sul Mediterraneo occidentale.

L’ingresso dello scirocco in prossimità del prossimo weekend appare molto probabile, meno facile intuire al momento la sua intensità, anche se al momento, in base alle ultime emissioni modellistiche, pare alquanto smorzata la rimonta sahariana e quindi anche l’intensità del vento e durata. Non mancheranno comunque nuove condizioni di maltempo per diverse regioni d’Italia, dalla Sardegna alle regioni tirreniche centrali sino alla Liguria, così come per intensi temporali alpini e prealpini.

A corredo le mappe per il proseguo della settimana.

Foto di copertina di Antonio Aloisi.

Pubblicato il 12/05/2019 22:49

Altri articoli che potrebbero interessarti