Sarà una domenica stabile e gradevole. Da lunedì tornano le nubi, poi il freddo balcanico!

Sarà una domenica stabile e gradevole. Da lunedì tornano le nubi, poi il freddo balcanico!

Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

L’aumento della pressione atmosferica sta favorendo giornate finalmente stabili, climaticamente gradevoli e con venti deboli. Dopo tanto tempo sia il Tirreno che il mar Ionio sono tornati quasi calmi, una condizione questa rara ultimamente sia per la navigazione che per la pesca professionistica, oltre che per i disagi e le problematiche che le mareggiate hanno arrecato.

La gran neve etnea ha salvato la stagione sciistica soprattutto per le piste di Etna nord, mentre il versante sud rimane penalizzato per la presenza di cenere vulcanica, considerate le correnti in quota provenienti da nord. Il weekend mostrerà ancora simili condizioni atmosferiche favorevoli con tempo stabile, asciutto e venti deboli, ed eccezion fatta di correnti libecciali verso sera sul basso Ionio e Canale di Sicilia. Tanto sole ovunque, condizioni davvero ottimali per ogni attività all’aperto, sia in montagna che in riva al mare.

A corredo foto pazzesche scattate sul nostro Vulcano da Alessandro Micalizzi!


Tuttavia, tali condizioni meteo sono destinate nuovamente a mutare in modo drastico già nel corso del pomeriggio/sera di Lunedì 11.

Correnti molte fredde provenienti dal nord Europa faranno ingresso attraverso i Balcani lunedì causando un aumento repentino della variabilità sul basso Tirreno, quindi fenomeni irregolari sul nord Sicilia che precederanno il crollo termico in quota atteso in serata, accompagnato da forti venti di maestrale e tramontana.

Tra la notte di lunedì e martedì non si escludono fugaci rovesci di pioggia mista a grandine sulle coste, graupel o neve tonda in collina con quota neve in calo sino a 600m tra Nebrodi e Peloritani,  fenomeni che poi tenderanno a divenire radi se non concentrati tra Nebrodi e Madonie martedì sotto forti correnti di tramontana. Entro martedì mattina non esclude pertanto una spolverata di neve sui comuni montani nebroidei e chissà, anche sui nostri colli San Rizzo.

Cessate le precipitazioni, avremo a che fare con un freddo pungente balcanico ma sostanzialmente secco, il tutto accentuato da una sostenuta tramontana che farà percepire al nostro organismo tanto freddo. Proprio il freddo proseguirà nei giorni successivi, sarà incisivo soprattutto nelle ore notturne nelle aree interne e distali dal mare in condizioni di poco vento e cielo sereno, non si escludono minime molto basse ma in linea con il mese di febbraio.

Ecco le mappe GFS, in linea adesso con il resto dei modelli matematici salvo sorprese dell’ultimo momento.

 

 

Pubblicato il 09/02/2019 23:57

Altri articoli che potrebbero interessarti