Sarà un weekend variabile. Scirocco e maltempo da Lunedì ed a seguire scenari invernali!

Sarà un weekend variabile. Scirocco e maltempo da Lunedì ed a seguire scenari invernali!

Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Nubi irregolari, qualche debole pioggia e temperature più miti, merito di un debole flusso sciroccale che ha contribuito a rimescolare l’atmosfera dopo le recenti invernate.

Detto questo, sarà un weekend all’insegna della variabilità atmosferica, a tratti inaffidabile per la presenza di nubi irregolari in transito nel basso Tirreno. Entro sabato sera non si escludono locali acquazzoni tra il messinese e la Calabria, giusto per rovinare i piani serali all’aperto ( probabilità 40%).

Altrove si alterneranno vaste schiarite a repentini annuvolamenti, più probabili domenica nelle aree interne e montuose oltre chesui mari ma sempre in modo irregolare. Per il resto poco o nulla da segnalare, la ventilazione si manterrà prevalentemente debole salvo locali e momentanei rinforzi di ponente e maestro sabato, di ostro o libeccio domenica nello Ionio, di ponente al largo nel Tirreno. Mari localmente mossi per la presenza di risacca lungo i litorali. Temperature nelle medie del periodo.

Tuttavia, le condizioni atmosferiche per questo fine settimana possono ritenersi assolutamente positive visto e considerato che proprio l’inizio della prossima settimana esordirà all’insegna del maltempo, con venti sostenuti sciroccali, tante nubi, piogge e neve sull’Etna. Sul Mediterraneo occidentale farà ingresso una nuova saccatura colma in quota d’aria polare artico marittima pronta a generare una vasta ciclogenesi mediterranea destinata a centrare in pieno prima la Sardegna, poi Sicilia e Calabria con instabilità diffusa e condizioni localmente perturbate.

Lunedì 21 sarà il momento dello scirocco, quello instabile, umido e freddo ad annunciare il passaggio di un fronte freddo foriero di piogge, rovesci, temporali e neve sull’Etna, stavolta più abbondante sul versante meridionale. Mar Ionio da mosso a molto mosso, temperature in calo nelle massime.

Tale circolazione depressionaria arrecherà al Sud diverse fasi piovose ed instabili anche martedì ma fungerà da ” apripista “ nel corso della settimana in quanto si aggancerà dalla Groenlandia un nocciolo alquanto gelido in quota pronto anch’esso a puntare in pieno il settore centrale del Mediterraneo, quindi il nostro Paese.

Da svariati giorni tutti i principali modelli di calcolo ipotizzano scenari molto freddi per il vecchio Continente, anche da brividi per il contributo non solo di masse d’aria d’estrazione artico marittima, ma anche dalla lontana Siberia passando attraverso la Russia dove si registrano già temperature siderali. Alla luce di così tanta carne al fuoco e dalle difficili deduzioni in termini pratici per il nostro Paese, ci limitiamo al momento a commentare mappe che vanno non oltre le 72ore, al fine di poter offrire la migliore informazione meteorologica, senza comunque dedicare a scrutare le mappe a medio/lungo termine. Nel frattempo postiamo lo scenario ipotizzato dal modello UKMO, non lontano dagli altri modelli di simulazione ma alquanto estremo per il Mediterraneo.

Pubblicato il 18/01/2019 22:52

Altri articoli che potrebbero interessarti