Sarà un weekend caratterizzato dal forte maestrale e nubi tirreniche.

Sarà un weekend caratterizzato dal forte maestrale e nubi tirreniche.

Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Il dominio del così detto ” tempo Atlantico “ ha comportato una serie di impulsi destabilizzanti forieri di piogge tirreniche ma soprattutto seguiti da forte vento di ponente e maestrale. Siamo consapevoli che il vento dalle nostre parti non manca mai, soprattutto in questo periodo dell’anno quando in base ai guasti atmosferici mediterranei si alternano sciroccate a maestralate o ponentate.

Andrà così anche nelle prossime ore, in particolare Sabato 8 festa dell’Immacolata Concezione allorquando si profila una nuova fase altamente ventosa ed inaffidabile per il basso versante tirrenico. Un nuovo impulso atlantico in rotta verso l’Adriatico comporterà l’ingresso di raffiche di maestrale anche a carattere di burrasca, il divario pressorio tra l’alta pressione della Azzorre ad ovest e le depressioni atlantiche si tramuterà in burrasca nel Tirreno. Penalizzato sarà il nord Sicilia, in particolare il messinese e l’area dello Stretto di Messina per il transito di corpi nuvolosi marittimi che correranno di gran carriera sospinti da raffiche turbinose di ponente e maestro. Piovaschi si alterneranno tra i Peloritani e la Costa Viola, mentre tra le vallate peloritane discenderanno raffiche localmente prossime ai 60km/h con picchi superiori a monte ed in taluni punti esposti tali da condizionare pesantemente la giornata festiva. Mar Tirreno da molto mosso ad agitato, lo Ionio poco mosso sotto costa, molto mosso al largo per venti di terra. Vento sostenuto altrove ma con variabilità e vaste schiarite. Certamente i collegamenti verso le Isole Eolie subiranno importanti rallentamenti o momentanee interruzioni.

Domenica 9 si riproporranno le medesime condizioni atmosferiche con forte vento nel Tirreno, nubi irregolari tra nord Sicilia e Calabria tirrenica ma anche vaste schiarite sul resto dell’Isola, mentre verso sera un nuovo impulso farà ingresso da nord con aumento della nuvolosità sempre nei medesimi settori.

Inizio di settimana instabile e più fresco

Un lobo del vortice polare farà visita su gran parte del vecchio Continente mentre il nostro Paese si troverà ai margini dell’irruzione polare.

Tuttavia, dal Rodano affluirà aria più fredda mentre sull’Adriatico avremo l’influenza di un nucleo freddo in quota (-30 °C a 500 hpa), sufficiente per rinnovare instabilità marittima tra basso Tirreno, quindi nord Sicilia, Calabria e regioni adriatiche. Vento forte, inaffidabilità atmosferica ma soprattutto un calo delle temperature su valori invernali in quota caratterizzeranno l’inizio della prossima settimana, mentre per il momento il vero freddo e la fenomenologia annessa rimangono a debita distanza dal nostro Paese.

Viene così ritrattata la prima vera incursione polare sul Mediterraneo, anche se tale ipotesi era solo stata ipotizzata dai centri di calcolo in un lasso temporale troppo elevato, quindi soggetta a rettifiche. Tuttavia, nel corso della settimana non mancheranno nuovi guasti atmosferici o piogge, ma ne riparleremo nel prossimo bollettino.

A corredo le mappe GFS riferite a lunedì e martedì.

 

Pubblicato il 06/12/2018 22:56

Altri articoli che potrebbero interessarti