Residuo maestrale e temperature in ripresa. Tornerà il sole, ma sarà vera stabilità?

Residuo maestrale e temperature in ripresa. Tornerà il sole, ma sarà vera stabilità?

Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Questi giorni di maggio verranno ricordati alla storia per le sorprendenti nevicate a bassa quota per il nostro Appennino centro/ settentrionale, a quote rilevanti sulla Calabria ( vedi in Sila ), oltre che sulle Alpi. Verrà ricordato per le diffuse grandinate che hanno arrecato svariati danni all’agricoltura, per le mareggiate oltre ai danni ingenti registrati nel lago di Garda, reso in tempesta da furiosi venti. La sfuriata d’aria artica ha anche regalato coreografiche nevicate a Piano Battaglia in Sicilia, sui Nebrodi ed a Piano Provenzana, ovviamente con accumuli irrisori ma rende l’idea del calo termico importante per il periodo. Venti tempestosi di ponente nel basso Tirreno hanno isolato l’arcipelago Eoliano, tanto vento anche in riva allo Stretto di Messina ma poche piogge, solo tanto fresco per il periodo ed un clima non proprio tipico di maggio.

A corredo le piste dell’Abetone e la spolverata a Piano Battaglia in Sicilia.

Per fortuna, il peggio è alle spalle e le condizioni meteo climatiche torneranno lentamente verso la normalità. Da segnalare solo maestrale residuo martedì nel settore est del basso Tirreno, dove il mare resterà molto mosso con moto ondoso ancora vivace al mattino, ma in progressivo calo entro sera. Ancora residui addensamenti cumuliformi al mattino con residue precipitazioni sul messinese tirrenico ed a ridosso dei rilievi, anche queste lasceranno spazio ad ampie schiarite nel corso del giorno. Sole predominante altrove con qualche innocuo annuvolamento fugace. Temperature minime ancora fresche, massime in netto rialzo.

Il tempo sarà soleggiato e termicamente in linea con le medie del periodo per alcuni giorni, ma si segnala qualche interferenza nuvolosa giovedì 9 per il transito di nubi stratiformi da ovest ed un rinforzo momentaneo dei venti da Sud ( ostro ) nello Stretto di Messina, indice di una blanda rimonta d’aria calda.

Mentre gli effetti al Sud ed in Sicilia saranno limitati, al nord ed oltralpe transiteranno altre perturbazioni atlantiche foriere di piogge e temporali, una delle quali potrebbe fare ingresso prepotentemente in prossimità del fine settimana con un guasto generalizzato delle condizioni atmosferiche entro domenica, a suon di venti intensi, piogge, temporali e mareggiate. Un quadro non proprio rassicurante soprattutto per chi puntava nel mese di maggio per inaugurare ufficialmente la bella stagione, appuntamento che alle nostre latitudini dovremo rinviare per qualche altro giorno.

A corredo l’ipotesi del modelli britannico ECMWF riguardo la ciclogenesi attesa Domenica 12 e Lunedì, da confermare o smentire nei prossimi aggiornamenti. Foto di copertina di Antonio Aloisi.

 

Pubblicato il 07/05/2019 00:04

Altri articoli che potrebbero interessarti