Prima il freddo da est, poi maltempo intenso mercoledì!

Prima il freddo da est, poi maltempo intenso mercoledì!

Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

In questo periodo di quarantena obbligatoria, le previsioni meteo sono passate in secondo piano, obiettivamente ci sono problematiche ben più gravi e delicate da affrontare.

Tuttavia, il nostro portale meteo, seppur in forma più ridotta, continuerà ad emettere bollettini meteo dettagliati per continuare a svolgere il servizio d’informazione, così come avviene sulla pagina facebook ufficiale.


Dopo lo scirocco teso di sabato sono giunte delle piogge sparse in Sicilia, le quali hanno raggiunto anche l’area dello Stretto di Messina, in un contesto inaffidabile e simil invernale come quella registrata nella giornata domenicale, allorquando il sole non ha mai fatto capolino in città.

 

La settimana esordirà con tante nubi sparse ed occasioni piovose ma nelle prossime occhi puntati ad una massa d’aria gelida di natura continentale che farà ingresso in modo retrogrado puntando le regioni adriatiche.

Una vasta area anticiclonica posta sull’Europa centro/orientale pilota una ” lingua ” artica verso i Balcani e l’area Alpina, entro la sera di lunedì 23 un cut-off con valori molto freddi in quota ( -35° a 500 hpa ), sfonderà sull’Adriatico ed inevitabilmente innescherà instabilità sotto forma di cumulonembi e temporali grandinigeni, anche nevosi a quote molto basse per il periodo.

 

Entro martedì tornerà la neve sull’Appennino centrale e settentrionale a quote di tutto rispetto per marzo, freddo anche verso il Sud e la Sicilia ma più contenuto, ma anche qui la massa d’aria gelida produrrà piogge e rovesci sparsi e neve oltre gli 800m di quota nella fase più fredda.

Tale intrusione d’aria artica produrrà come contro risposta un importante peggioramento entro mercoledì 25 con la genesi di una depressione afro mediterranea che punterà direttamente la Sicilia, per poi collocarsi probabilmente sul mar Tirreno. La sua evoluzione sarà estremamente interessante da seguire e potenzialmente esplosiva con la concreta possibilità che si possano abbattere piogge intense anche a carattere di temporale o nubifragio, oltre una ventilazione intensa ciclonica, mareggiate ioniche e tanta neve sull’Etna.

Il forte peggioramento atteso sulla nostra Regione potrebbe risultare provvidenziale per rifocillare le nostre falde acquifere e per apportare un buon innevamento sull’Etna, tutta acqua preziosa da conservare gelosamente per la stagione calda. Il maltempo intenso riguarderà comunque tante regioni del nostro Paese, quindi una buona motivazione per rimanere a casa!

Pubblicato il 22/03/2020 20:49

Altri articoli che potrebbero interessarti