Mitezza, correnti meridionali e velature in aumento entro mercoledì.

Mitezza, correnti meridionali e velature in aumento entro mercoledì.

Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

E’ stata una domenica climaticamente meravigliosa in riva allo Stretto di Messina, stesso scenario di tante altre domeniche precedenti, spiagge frequentate da bagnanti, ombrelloni aperti, lidi balneari regolarmente in funzione per chi ha potuto prorogare la stagione, tutto meraviglioso insomma per chi ama profondamente l’estate.

L’autunno in sede mediterranea e su gran parte dell’Europa centro/occidentale ha lasciato il posto ad una rimonta anticiclonica piuttosto vasta ed alimentata da correnti molto miti d’estrazione sub tropicale. Ecco spiegate le massime addirittura di 31°C – 28°C tra Spagna e Francia, ma il caldo non ha risparmiato alcune località del nostro Paese, oltre che sul Mediterraneo orientale e sulla Turchia. Un ” bollore ” diffuso che indica tanta energia a disposizione da sfruttare nei prossimi mesi, consapevoli che la stagione autunnale è ancora ai nastri di partenza e potrebbe scaldare i motori già a breve in alcune località.

A corredo alcuni scatti realizzati nella magnifica Torre Faro da Antonio Aloisi

L’ottobrata dal sapore estivo lentamente verrà interrotta da una perturbazione atlantica responsabile di rovesci e forti temporali entro martedì su Liguria, il Nord Ovest del nostro Paese, instabilità che dal Tirreno raggiungerà le coste dalla Toscana alla Campania ed in modo irregolare ed alquanto indebolita entro Mercoledì al Sud.

Prima di tale passaggio nuvoloso, ventilazione che si disporrà da Sud con un ostro moderato nello Stretto di Messina sia lunedì che martedì, mentre lo Ionio risulterà calmo o poco mosso. Calmo anche il Tirreno meridionale e temperature ancora oltre le medie del periodo.

Passata la perturbazione atlantica, che ribadiamo avrà come obiettivo il Nord Italia e parte del Centro, le temperature torneranno nelle medie del periodo, mentre per scorgere perturbazioni in grado di arrecare condizioni di tempo perturbato dovremo aspettare probabilmente l’ultima decade del mese, quindi avremo modo e tempo per approfondire il tutto.

 

 

Pubblicato il 13/10/2019 20:10

Altri articoli che potrebbero interessarti