Tempi duri per la pesca sportiva.

Tempi duri per la pesca sportiva.

Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

wind10m_C_web_12-gifLa mappa a corredo dell’articolo parla chiaro, dopo lo scirocco è la volta del Tirreno con venti burrascosi di ponente e maestrale a sferzare il litorale esposto. La primavera dalle nostre parti sta mostrando il suo lato peggiore, visto che lo scirocco ed il maestrale si avvicendano come fosse una “sfida”. A farne le conseguenze sono alcune tecniche di pesca sportiva che necessitano di condizioni di mare calmo e quasi assenza di vento.

Questo è il periodo in cui i calamari e le seppie si avvicinano a riva per deporre le uova, esemplari questi che di questi tempi possono essere davvero big! L’eging si praticherà nello Stretto di Messina non appena il ponente allenterà e la risacca residua di scirocco si dimezzerà, ma anche questo sarà provvisorio visto che per il periodo pasquale si prevede ancora del vento forte e la luna sarà ormai piena con le correnti marine che saranno forti.  317518_10200906471691952_604789719_n

Il Tirreno sarà adatto per il surf casting e lo spinning e visto le condizioni meteo marine previste avverse per diversi giorni richiamerà i veri lupi di mare, quei temerari che non conoscono ostacoli. Alcuni spot tirrenici per ora sono stati protagonisti di grosse catture come barracuda mediterranei e pesci serra di grosse dimensioni.

Pubblicato il 26/03/2013 01:18

Altri articoli che potrebbero interessarti