Quando la natura dà spettacolo!

Quando la natura dà spettacolo!

Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

1001446_524749597574713_1374244844_nOgni giorno, tempo permettendo, 8 feluche messinesi  e 4 calabresi solcano le acque  dello Stretto di Messina. Tra maggio e giugno le zone di pesca più favorevoli alla pesca del pesce spada sono quelle antistanti alla costa calabrese, mentre se le condizioni meteo marine lo permettono si va a cacciare nel mar Tirreno, al largo di Capo Milazzo o di Capo Rosocolmo che guarda verso le Isole Eolie.

Proprio in questo periodo dell’anno non è raro incontrare esemplari di pesci spada in coppia, denominate in dialetto ” paricchie “. Qui esperienza e maestria sarà determinante nella riuscita della cattura di entrabi esemplari, visto che la femmina tende ad abbandonare il maschio una volta salpato in barca contrariamente al maschio che mai per nulla al mondo lascerebbe la compagna.

Nel mese di luglio entra a pieno regime la regola delle ” poste “, ovvero tratti di mare dello Stretto assegnati su sorteggio che a ruota cambiano ogni giorno, permettendo a tutti di pescare in modo equo. Lo Stretto riserva solo 2 poste alle feliche calabresi, mentre le altre saranno costrette a girare fuori posta, quindi senza regole da rispettare se non quelle di non violare le poste assegnate.

Esperienza, calcolo delle correnti, velocità e strategia sono determinanti in questa pesca, portata avanti con sacrifici immensi da generazioni che rischiano di estinguersi a causa del caro gasolio e dalla mancanza di pesce.

Ma anche in questa pesca non tutti i giorni sono uguali e le sorprese è sempre dietro l’angolo. Un esempio su tutti una giornata di metà giugno al largo nel mar Tirreno, quando grossi esemplari di tonni facevano banchetto di costardelle in superficie. Schizzi e scrosci visibili attirano l’attenzione della Feluca, subito un cambio di marcia verso quel putiferio d’acqua e via libera all’adrenalina. L’emozione nel vedere pesci di questa stazza è indescrivibile e fa sentire l’uomo cacciatore un pò piccolo in confronto alla potenza della natura ed agli abitanti del mare che lo abitano.

1016650_10201474487852001_1376316188_n 1016144_10201456563603906_1426509171_n 1044926_10201456626405476_1053302243_n7962_524299280953078_283287328_n

 

Pubblicato il 26/06/2013 02:43

Altri articoli che potrebbero interessarti