Le ondate più forti tra 1 e 2 Maggio nei nostri mari

Le ondate più forti tra 1 e 2 Maggio nei nostri mari

Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

onde1-2maggio2016piùfortiL’arrivo del maltempo porterà con se anche venti forti o molto forti anche a carattere di burrasca o burrasca forte, specie ad Ovest, tra le aree occidentali dei nostri mari.

Le zone maggiormente interessate le abbiamo viste in precedenza nel bollettino mari e venti, ma adesso andiamo a iniziare a vedere una prima stima per le possibili aree maggiormente colpite da ondate più forti.

I tratti di mare più a rischio forti ondate saranno quelle tra Ovest Sardegna, Canali delle Isole maggiori e tutto il settore medio/basso versante tirrenico.

Le maggiori altezze e mare grosso è previsto comunque a largo soprattutto e con coinvolgimento di alcuni tratti costieri specie delle zone sarde occidentali, e del nord della Tunisia, quì ci potranno essere massimi run-up (altezze d’onda che si abbatteranno con forti mareggiate anche alte più di 5-6 mt).

Le aree che invece andranno dai canali delle due Isole maggiori vedrebbero massimi d’altezza d’onda stimate attorno ai 4-5 mt di altezza quindi mare molto agitato.

Infine tutto il settore tirrenico centro/meridionale sarà soggetto a onde più basse ma pur sempre incisive attorno ai 3-4 mt di altezza di media.

wavem57

Va detto che questa è una stima approssimativa e in media delle ondate nei momenti di picco massimo durante la traslazione del vortice che seguirà una strada dal Sud della Francia fin verso il basso tirreno per poi collocarsi entro il pomeriggio del lunedì 2 e prime ore del 3 ad est della Penisola.

Le zone interessate a mareggiate saranno quelle sarde occidentali soprattutto dove quì si rischiano forti mareggiate, nonché sul tratto costiero tunisino nord, mentre deboli/moderate mareggiate sono attese anche nel nord siculo specie versante occidentale e sud/occidentale isolano per venti occidentali forti o molto forti.

Una cessazione del moto ondoso con scaduta è atteso dalla giornata del 4 via via più presente nei giorni successivi con tendenza a indebolimento del sistema pertubato.

Pubblicato il 29/04/2016 17:28

Altri articoli che potrebbero interessarti