Ancora totani da riva, battuto un altro record personale!

Ancora totani da riva, battuto un altro record personale!

Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

La scorsa volta avevamo raccontato l’impresa effettuata dall’amico Giovanni Aloisi, artefice di una cattura incredibile effettuata da riva, nel messinese ionico, dove veniva intercettato un grosso totano ad eging di oltre 5 kg.

Certamente grande stupore per una cattura di rilievo per tutto il popolo dellEging, grande soddisfazione per il pescatore messinese protagonista, per tutti i suoi amici/familiari e per l’azienda artefice dell’artificiale impiegato da G. Aloisi. Ricordiamo che per l’occasione era stato impiegato il Molix Millerighe Vintage, new color ” green “ , misura tre come in foto.

Stavolta invece vogliamo raccontarvi l’esperienza e l’impresa realizzata da un altro grande appassionato dell’Eging di Messina, il Sig. Diego Scandurra.

Diego è un ragazzo di Messina, estremamente amante dell’eging ma spesso seriamente impegnato tra lavoro e famiglia, si reca a mare quando possibile e compatibilmente alle condizioni meteo marine.

Poco tempo magari a disposizione ma ugualmente tanto impegno e costanza gli consentono di battere un record personale che ha dell’incredibile!

Pensate amici, in meno di un mese è riuscito a catturare sempre da riva ben due totani neri di fondale rispettivamente di 2.976 Kg il primo, 3.130 Kg il secondo, sempre con la medesima attrezzatura e sempre con il medesimo artificiale.

Il record pertanto non sta nel peso singolo delle prede, le quali comunque hanno dell’incredibile, bensì nella frequenza in un lasso di tempo così ristretto da riva sempre dal medesimo pescatore.

Se il totano da riva risulta assolutamente una cattura rara ed accidentale ad eging, per Diego tutto ciò fa eccezione riuscendo a battere senza dubbio un record personale e probabilmente per tutto il popolo dell’Eging provinciale, forse regionale e nazionale!

Nel dettaglio l’artificiale impiegato da Diego in entrambe le catture risulta il Molix Millerighe Vintage “Pink”, una colorazione che si è messo in evidenza per svariate catture tra seppie e calamari in tanti spot sia ionici che tirrenici.

Considerazioni

Premesso che il totano risulta sempre una preda non comune per lo spinning ai cefalopodi da riva, possiamo asserire che alla luce delle recenti catture testimoniate le probabilità in taluni spot della nostra riviera ionica iniziano a farsi concrete ed alla portata di tutti.

Ovviamente si necessita una buona dose di fattore ” C “, ma l’attrezzatura da impiegare, gli artificiali, il trecciato, la cura dei nodi, devono essere certamente di livello, curando ogni minimo dettaglio nei confronti di prede così toste ed impegnative e con un’attrezzatura certamente light.

Certamente da ora in avanti sarebbe consigliabile effettuare grandi distanze con i nostri artificiali, partendo magari sempre dal fondo, visto e considerato che a breve compariranno seppie e calamari di taglia, avvicinandoci pertanto alla stagione della deposizione delle uova.

Ovviamente tale sfida e la volontà di realizzare una cattura di spessore dev’essere accompagnata da un grande spirito di sacrificio, divertimento, passione, studio delle correnti marine e delle condizioni meteo marine e lunari, tutti ingredienti che potrebbero rivelarsi provvidenziali od addirittura miracolose!

Che dire, si ricrederanno tutti quei soggetti inizialmente scettici riguardo simili catture, una volta forse leggende metropolitani od invenzioni, oggi invece realtà  che fanno dell’Eging una tecnica assolutamente sensazionale ed affascinante!

E’ stato altrettanto entusiasmante ed emozionante assistere ad una cattura di un grosso totano in occasione di una grande gara di eging organizzata a Roccalumera, ricordiamo ancora una volta che oltre 170 partecipanti più amici e spettatori hanno potuto apprezzare l’impresa di Fabrizio Pernice, alle prese con il suo primo totano da riva! A lui ancora complimenti!

 

 

 

 

 

 

Pubblicato il 27/01/2018 19:07

Altri articoli che potrebbero interessarti