Lunedì giornata interlocutoria. Maltempo da Martedì, gran vento ed il primo freddo stagionale!

Lunedì giornata interlocutoria. Maltempo da Martedì, gran vento ed il primo freddo stagionale!

Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

La pioggia è tornata a bagnare nostro territorio comunale o meglio ancora ad ” inondare ” tutta la fascia Peloritana, esposta alle correnti sciroccali. Già dalla serata di Sabato le precipitazioni si erano presentate puntuali, i piovaschi in principio di debole o moderata intensità apparivano uniformi e trascurabili ai fini idrogeologici, situazione poi precipitata nel corso della prima mattina di Domenica allorquando intensi temporali e rovesci si scagliavano sui Peloritani. Oltre 80 mm a monte, anche picchi localmente superiori e tanti torrenti al limite esondazione, a farne le spese ancora una volta il borgo di Santo Stefano Briga dove cassonetti ed auto sono state trascinate dalla furia del corso d’acqua in piena. Una situazione quella dei torrenti cittadini molto delicata che rischia di precipitare ogni qualvolta le perturbazioni appaiono particolarmente intense, ovviamente in questi casi a nulla servono le allerte meteo, serve prevenzione e cura delle condizioni degli alvei, oltre al loro mantenimento e la rimozione di tutti quelle opere antropiche che nulla hanno a che fare con l’alveo del torrente, vedi parcheggi, strade sterrate, discariche abusive e tanto altro. A corredo alcune foto scattate da Pippo La Fauci durante le forti precipitazioni a Santo Stefano Briga.

Detto questo, la depressione atmosferica responsabile del maltempo delle ultime ore sta uscendo di scena ma permane il flusso umido foriero di piogge e rovesci nel basso Tirreno.

Lunedì 26 sarà una giornata interlocutoria per la Sicilia in quanto la ventilazione si disporrà in giornata da Libeccio. I venti da Sud Ovest, preludio del peggioramento in avvicinamento da ovest, piloterà le piogge verso la Calabria e la Campania, risparmiando per il momento il nostro territorio comunale, eccezion fatta la porzione settentrionale dello Stretto di Messina che vedrà ancora occasionali piovaschi e l’arcipelago Eoliano. Venti intensi di Libeccio nel Basso Tirreno che risulterà molto mosso al largo, mosso lo Ionio sotto costa per risacca, molto mosso al largo. Aumento della nuvolosità in serata con piogge in rotta verso il trapanese e palermitano.

Martedì 27 la saccatura colma d’aria fredda traslerà verso le Regioni meridionali, pilotando piogge, rovesci e temporali dal Tirreno verso il nord Sicilia, segnatamente da Trapani a Messina, coinvolgendo in pieno l’arcipelago Eoliano e la Calabria. Man mano che le correnti al suolo ed in quota si disporranno pienamente da W/NW, ecco che anche l’area dello Stretto di Messina, la città di Messina ed i Peloritani, oltre che i Nebrodi, verranno bersagliati da nuclei precipitativi intermittenti, inframezzati da pause asciutte provvisorie e poi nuovi nuclei, anche temporaleschi ed isolate grandinate. Mar Tirreno da molto mosso ad agitato con mareggiate lungo i litorali, poco mosso lo Ionio sotto costa. Temperature in calo. Quota neve in calo entro sera su Nebrodi, Etna ed Aspromonte ( 1700/1800m ).

Mercoledì 28 esordirà ancora con alternanza di piogge e rovesci sul messinese e reggino, ma il protagonista sarà senza dubbio il gran vento di maestrale e tramontana unitamente ad una netta flessione termica su valori invernali in quota. Si tratterà della prima perturbazione a carattere freddo con quota neve in calo, mentre lo zero termico potrebbe rasentare quota 1500m dal pomeriggio. Ancora mar Tirreno agitato con vistose mareggiate lungo i litorali esposti. Le precipitazioni diverranno sempre più rade verso il pomeriggio/sera, mentre bisognerà attendere la giornata di Giovedì 29 per godere di un netto miglioramento delle condizioni climatiche, sia sotto il profilo eolico che atmosferico!

Giovedì sarà l’occasione per apprezzare la prima neve stagionale sul versante nord dell’Etna e su gran parte dell’Appennino centro/meridionale, segno che l’inverno è sempre più vicino!

 

 

 

Pubblicato il 25/11/2018 23:38

Altri articoli che potrebbero interessarti