Insidie instabili entro lunedì sera. Tempo più stabile da martedì.

Insidie instabili entro lunedì sera. Tempo più stabile da martedì.

Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

L’ultimo weekend del mese di febbraio purtroppo verrà ricordato per i danni ingenti ma soprattutto per le vittime causate dalla tempesta di grecale che si è abbattuta al centro/sud.

Venti da uragano hanno imperversato per svariate ore innescando mareggiate imponenti ed un cimitero di alberi, alcuni dei quali purtroppo killer, ma i danni e le conseguenze per i nostri litorali saranno pesantissimi. Per lo Stretto di Messina per fortuna nessuna conseguenza, merito della protezione offerta dalla Calabria. Visionando le onde che si sono scagliate a sud di Capo Alì le conseguenze sarebbero state a dir poco devastanti. E’ stato un weekend all’insegna del freddo e della neve in Sicilia, nevicate che sono giunte nel corso della mattina di sabato non appena il nucleo gelido ha raggiunto il basso Tirreno valicando la nostra Regione. Rapidamente tutti i comuni montani hanno registrato svariati centimetri di neve e purtroppo tanti cittadini non hanno dato credito ai bollettini meteo, tant’è che molti automobilisti sono rimasti in panne. A corredo alcun scatti pazzeschi di Alessandro Micalizzi, onde incredibilmente alte nei pressi di Capo Sant’Alessio.

Passata la tempesta di grecale, il tempo non tornerà affatto stabile nell’imminente a causa di un nuovo nucleo freddo che raggiungerà la Sicilia in modo retrogrado nel corso della pomeriggio/sera di Lunedì.

Dall’Albania si sgancerà una ” bolla ” d’aria artica continentale che genererà una goccia fredda vagante, corredata da piogge, rovesci e temporali grandinigeni destinati a coinvolgere diverse province sicule entro sera.

In concomitanza dei fenomeni si rinnoveranno anche nuove nevicate sui rilievi oltre i 600/700m d’altezza, seppur rapide ed irregolari. Probabilmente più esposti saranno i Nebrodi ed in modo diretto le Madonie. Anche gli Iblei potranno registrare nuove nevicate, oltre che l’Appennino Calabro Lucano.

Il tempo è destinato a migliorare in modo sensibile da martedì grazie alla rimonta dell’alta pressione da ovest, anche se il versante adriatico e l’estremo sud rimarranno in parte scoperti da tale protezione e parzialmente esposte alle correnti fredde in discesa da nord.

 

Pubblicato il 25/02/2019 00:34

Altri articoli che potrebbero interessarti