Finalmente aria d’autunno. Scenari di severo maltempo in pieno Ionio!

Finalmente aria d’autunno. Scenari di severo maltempo in pieno Ionio!

Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Finalmente aria d’autunno in riva allo Stretto di Messina.

L’aria fredda giunta dai Balcani ha scacciato di fatto il caldo e l’umidità nei bassi strati accumulatosi nel corso di questa “estate tardiva”.

Le temperature adesso sono tornare nelle medie del periodo e localmente anche al di sotto, mentre i venti intensi di grecale e tramontana hanno contribuito in modo sensibile a far percepire al nostro organismo più freddo di quello reale, specie dopo il tramonto. Un netto sbalzo termico rilevante, avvertito maggiormente ed in modo brusco dato che nel weekend ancora si andava tranquillamente al mare per un bagno e la tintarella, come se l’autunno non fosse mai approdato dalle nostre parti.

Proprio il vento è stato l’elemento meteorologico protagonista, responsabile non solo della frescura ma anche delle mareggiate nei settori esposti, maggiormente lungo i versante ionico siculo non protetto dalla Calabria. Unico luogo relativamente preservato è stato lo Stretto di Messina, tratto di mare che non ha risentito del grecale impetuoso grazie alla protezione offerta dall’Aspromonte.

Detto questo, l’aria che continua ad affluire dalla porta Balcanica sta interagendo in modo importante nelle acque del basso Mediterraneo. La natura fredda e secca della massa fredda appena giunta, il tepore offerto dal Mediterraneo ed il contributo del nord Africa fornirà ingredienti potenziali per la genesi di una insidiosa depressione dalle caratteristiche simil tropicali.

Le probabilità si fanno concrete affinchè si possa formare un TLC entro Venerdì 28, un tipico ciclone mediterraneo dalle caratteristiche simili a quelle conosciute negli oceani ma ovviamente in formato limitata ma non per questo da sottovalutare. Ovviamente i centri di calcolo tentano di ipotizzare traiettoria, tempistica ed intensità del vortice ma sappiamo bene come tali configurazioni appaiano davvero difficili se non impossibili da decifrare con diverse ore d’anticipo. Entro Sabato 29 tale struttura depressionaria potrebbe impattare verso le coste greche causando anche forti piogge, anche alluvionali e venti di tempesta!

Quali rischi per la Sicilia? 

Ipotesi 1: venti forti, mareggiate intense e piogge anche localmente insistenti tra Etna e Siracusano se il vortice dovesse traslare nei pressi dell’Isola. Situazione nettamente migliore sul resto della Regione.

Ipotesi 2: Venti moderati, mareggiate moderate nei settori esposti e nubi irregolari si il vortice dovesse traslare al largo, in pieno Ionio. Esclusa comunque gran parte dell’Isola da ogni altra fenomenologia degna di nota.

Saranno senza dubbio le prossime imminenti emissioni modellistiche e poi soprattutto il nowcasting a svelarci la verità riguardo l’evoluzione di questi fenomeni così affascinanti quanto imprevedibili e tipici della fase post estiva ed autunnale.

 

 

Pubblicato il 27/09/2018 00:14

Altri articoli che potrebbero interessarti