Avvezione fredda in atto, sorprese da alcuni modelli stamattina

Avvezione fredda in atto, sorprese da alcuni modelli stamattina

Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

L’azione molto fredda che sta per abbordare le nostre lande, con entrata della massa rigida da Nord/Est, è una delle situazioni potenzialmente più rigide che si possono manifestare per le nostre zone.

Dai vicini Balcani infatti, la massa d’aria molto fredda a tutte le quote tende a incanalarsi tuffandosi dal mar Adriatico, percorrendo un piccolissimo tratto di mare e soprattutto in ambito orografico si aprono scenari molto meno aspri per le sorti di Puglia, Calabria e Sicilia in primis.

Infatti l’inclinazione della massa d’aria fredda con entrata da E/Ne o da NE, non perde le sue caratteristiche rigide, scivolando verso il suolo repentinamente anche in assenza significativa di fenomeni, al contrario di ciò che avviene durante le ondate di aria artica marittima, nella quale l’azione fredda ha bisogno di fenomeni per riversarsi al suolo.

Questo tipo di avvezione fredda assume caratteristiche parzialmente continentali o del tutto continentali e non viene ostacolata nel suo tragitto dall’azione orografica alpina, a differenza delle ondate di freddo che vengono da Nord, nelle quali  la barriera orografica alpina ne lima spesso l’intensità.

Mantenendo caratteristiche originali dunque, tale massa d’aria fredda e secca si umidifica appena raggiunge l’Adriatico e lo Ionio, manifestando in parte un’azione instabile anche in mancanza di una vera e propria bassa pressione ionica.

Potrebbe essere questo il caso e dopo aver analizziamo le varie carte dei parametri disponibili, ci accorgiamo come alle varie quote ci siano elementi che inducono un cauto ottimismo circa possibili manifestazioni nevose sottoforma di rovesci nevosi a quote relativamente basse.

Il top dell’altezza delle nubi potrebbe attestarsi sui 3500-4500 mt, con aria abbastanza umida alla quota di 700hpa (circa 3000 mt), al contrario alla quota di 500hpa (circa 5000 mt) si ha aria molto secca.

Sulle mappe a 700 hPa vengono solitamente mostrati i campi di umidità (relativa e/o specifica) e di velocità verticale, i quali si rivelano indispensabili per valutare la presenza di nubi medie e di possibile tempo perturbato. Infatti sono le nubi che si formano attorno ai 3000 metri quelle principalmente in grado di produrre precipitazioni.

Detto questo, il prossimo evento freddo potrebbe riserbare alcune piacevoli sorprese, nei settori nebroidei e attorno all’etneo esposti ai venti da Nord e NE, con locali imbiancate a quote davvero basse.

Città di Messina: il discorso per la Città di Messina, suddetti rilievi e colline, appare quanto mai incerto, non a caso dallo studio delle carte posso annunciarvi che non ci sono le premesse per eventuali precipitazioni a carattere solido con accumulo.

In effetti i presupposti ci potrebbero essere se uno focalizzasse l’occhio solo su certi parametri, tipo nel modello UKMO, nel quale si evince uno spostamento del nocciolo freddo in quota con valori di circa -34°C alla quota di 500hpa(5000 mt circa) che verrebbero supportati a valori di circa -6°C a 850hpa (1500 mt circa).

Ma come detto, non ci si può limitare a guardare tali parametri se poi non se ne analizzano altri, specialmente nell’azione orografica è molto importante capire la direzione dei venti alle varie quote.

Infatti, durante il picco del freddo atteso nelle ore centrali di domani e fin verso la tarda notte successiva,  locali fenomeni di tipo nevoso a quote bassissime potrebbero solo essere fugali apparizioni per la mancanza di correnti favorevoli, con la catena aspromontana che molto probabilmente fungerà da barriera a differenza delle zone esposte come Nebrodi ed etneo settentrionale.

L’evento del 30-31 Dicembre 2014 è quindi irripetibile, almeno stavolta, con qualche locale imbiancata solo possible durante le primissime ore di domani mattina, allorquando le analisi dei venti in quota potrebbero permettere qualche locale sconfinamento nevoso a ridosso dei Peloritani, ammantandoli di un velo bianco. (possibilità)!

Pubblicato il 28/12/2016 11:08

Altri articoli che potrebbero interessarti