Dalla stabilità ad un graduale peggioramento entro mercoledì!

Dalla stabilità ad un graduale peggioramento entro mercoledì!

Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Marzo ha la nomina per essere definito un mese ” pazzo “, in realtà fa parte di un periodo estremamente dinamico ed in linea con la primavera meteorologica. Tralasciando le sensazioni personali, questo mese di marzo sta mostrando la sua normalità climatica in riva allo Stretto di Messina senza alcun spunto meritevole d’attenzione, nonostante si siano registrate grandinate, temporali, neve in montagna e per concludere questa settimana un weekend assolutamente stabile e gradevole al punto giusto.

Dopo un inverno alquanto instabile, ovviamente con queste splendide giornate le località di mare risultano quelle più frequentate. Ancora una volta Capo Peloro si evidenzia come luogo prescelto dai giovani messinesi, mentre la nostra litoranea una valida occasione per una passeggiata all’aperto, tra un gelato, una fotografia al nostro meraviglioso Stretto di Messina ed una chiacchierata con gli amici.

A corredo alcuni scatti meravigliosi realizzati da Janos Nunnari nei pressi del lago piccolo di Torre Faro!


Detto questo, le condizioni atmosferiche sul nostro Paese subiranno un deterioramento a partire dal Nord, Sardegna e successivamente lungo le regioni tirreniche, merito l’ingresso di una debole perturbazione dalla Francia seguita da aria fredda di matrice nord atlantica.

Proprio l’ingresso di aria più fresca sul bacino centrale del Mediterraneo determinerà la genesi di una circolazione depressionaria che andrà a strutturarsi tra Sardegna e nord Africa, una situazione questa tipica dei “guasti mediterranei” quando vengono a confluire masse d’aria per natura diverse, con il contributo destabilizzante del tepore nord Africano. Ciò determinerà un graduale deterioramento delle condizioni atmosferiche tra Sardegna e Sicilia e fenomeni inizialmente irregolari in mare aperto ed in azione sui rispettivi canali.

Tra martedì e soprattutto mercoledì 20 la depressione nord africana innescherebbe umide correnti sciroccali sullo Ionio e di levante/grecale nel basso Tirreno, mentre la Sicilia occidentale potrebbe trovarsi in linea d’aria con una confluenza insidiosa tra tali correnti e la risalita del fronte freddo. Non si escludono fenomeni temporaleschi anche intensi sul Canale di Sicilia in rotta verso tutto il settore occidentale dell’Isola, con sconfinamenti sul settore centrale, mentre sulla Sicilia orientale potrebbe tornare a piovere a ridosso dei paesi Etnei, catanese, ragusano e siracusano. Spiccata variabilità nello Stretto di Messina con piovaschi radi ed irregolari. Moto ondoso in netto aumento nello Ionio a partire da martedì, dapprima per venti di scirocco e levante, poi di grecale al largo. Questa è la linea di tendenza che si evince dai principali modelli di simulazione numerica, previsioni che verranno raffinate nel prossimo bollettino meteo.

Pubblicato il 17/03/2019 19:59

Altri articoli che potrebbero interessarti