Caldo ed afa protagonisti. Interferenze da valutare per Ferragosto.

Caldo ed afa protagonisti. Interferenze da valutare per Ferragosto.

Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

L’estate mediterranea e nel nostro caso quella messinese raggiunge il suo apice in questi giorni, non tanto come temperature massime registrate bensì rispetto l’elevato tasso d’umidità. I nostri mari hanno raggiunto superficialmente valori elevati di +28/30°C, l’evaporazione nei bassi è talmente elevata che le brezze marine non fanno altro che incrementare il tasso. Ciò causa inevitabilmente disagio corporeo costituito da sudorazione incessante, fiacchezza, sbalzi di pressione nei confronti dei soggetti esposti, insonnia nelle ore notturne quando proprio l’umidità atmosferica raggiunge i valori massimi.

E’ chiaro che in tali condizioni è preferibile l’ausilio controllato di un condizionatore d’aria, soprattutto per mitigare l’atmosfera nelle nostre abitazioni e luoghi di lavoro al fine di alleviare il disagio, oltre che bere tanto e mangiare frutta fresca.

Caldo e stabilità saranno gli ingredienti di questo weekend e per l’inizio della settimana entrante. Mari calmi od al più poco mossi, calura ed afa saranno gli elementi da segnalare sia lungo il versante tirrenico che ionico della nostra provincia.

Tuttavia, la stabilità non sarà per tutti e purtroppo destinata a proseguire nel tempo, anzi proprio a cavallo del Ferragosto sulla nostra Penisola avverrà una rottura atmosferica a suon di temporali, seppur irregolari. A corredo un tramonto strepitoso da Mortelle, foto di Antonio Aloisi.

Tempo previsto dal 14-16 agosto.

Un cavo d’onda oceanico si insinuerà nel Mediterraneo centrale sfruttando la porta francese, ciò avverrà già dalla serata di martedì 14 ed innescherà temporali marittimi imprevedibili sui bacini che contornano la nostra Penisola, venti tesi nei tratti esposti e tanta instabilità anche nelle aree interne nelle ore diurne. Difficile dire adesso dove e quando avverranno i temporali anche perchè essi saranno certamente imprevedibili e difformi, ma nel periodo che va da martedì pomeriggio a giovedì 16 dal satellite se ne noteranno diversi.

Probabilmente l’ingresso di aria più fresca atlantica potrà isolare una goccia fredda in quota, sarà questo elemento a determinare le sorti del tempo su svariate regioni d’Italia, in base alla traiettoria e l’influenza delle correnti.

Difficile se non impossibile illustrare al momento le condizioni meteo in occasione del ferragosto messinese, per questo vi invitiamo a seguire il prossimo bollettino meteo. 

A corredo le mappe dei principali modelli matematici che identificano il cedimento pressorio sui mari italiani, quindi i disturbi temporaleschi in mare ed a ridosso delle coste.

Pubblicato il 11/08/2018 10:15

Altri articoli che potrebbero interessarti