Aprile si congeda con un clima simil estivo. Maggio esordisce con venti forti ed anche piogge!

Aprile si congeda con un clima simil estivo. Maggio esordisce con venti forti ed anche piogge!

Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Dopo un Sabato mite si ma uggioso, finalmente ecco una giornata domenica estremamente assolata, calda, piacevole, dal sapore estivo per tutti i messinesi e non solo.

Proprio quando il weekend era divenuto un tabù per tutti coloro che non aspettavano altro che l’arrivo della Domenica per godersi una giornata ideale, ecco che l’ultima Domenica d’aprile ha imitato pienamente una domenica che sa d’estate, con temperature massime a cavallo dei 25°C all’ombra, venti deboli ed un sole cocente.

E’ stata una domenica ricca di colori e di gioia in particolare a Capo Peloro dove si svolgeva il 2° festiva degli aquiloni, stavolta qui il vento non è stato il vero protagonista a beneficio della voglia d’estate, di festa e di gioia. Lo scenario offerto dallo Stretto di Messina è impareggiabile, peccato che questo incantevole tratto di territorio sia ancora oggetto di strumentalizzazioni elettorali, anche da chi non te l’aspetti in una giornata del genere. A corredo foto strepitose di Janos Nunnari.

In settimana tornano venti forti, nubi e piogge irregolari

L’anticipo d’estate in corso proseguirà in parte anche per la giornata di Lunedì 30, anche se subentrerà dal Tirreno un ponente momentaneo e qualche nube pomeridiana sui rilievi.

La settimana comunque esordirà positivamente con tanto sole e temperature molto gradevoli ovunque.

Tuttavia, giorno 1 maggio, festa dei lavoratori, esordirà senza particolari problematiche ma nel corso della giornata aumenterà la ventilazione sotto forma di correnti sciroccali, soprattutto nel corso del pomeriggio unitamente ad un incremento della nuvolosità alta e stratiforme dal nord Africa e nei pressi dell’Etna.

Non sarà comunque una giornata compromessa dal maltempo, i barbecue, le escursioni fiori porta e le attività all’aperto saranno salve. Scirocco in intensificazione anche nel settore nord dello Stretto di Messina, specie dal pomeriggio.

Le cose si complicheranno Mercoledì 2 allorquando dalla Tunisia si farà strada una depressione di matrice afro mediterranea destinata ad approfondirsi tra il Canale di Sardegna e ad ovest del trapanese e palermitano. Per lo Stretto di Messina e lo Ionio ciò si tradurrà in un incremento importante delle correnti cicloniche sciroccali, il crollo barico e l’infittirsi delle isobare produrrà venti molto forti ed un netto incremento del moto ondoso lungo la riviera ionica. Per tali motivi, torna alta l’attenzione sul tratto di Galati Marina oggetto di interventi in corso, mentre l’approdo di Tremestieri potrebbe ricevere agevolmente altri detriti.

Giovedì 3 la depressione dovrebbe centrare il palermitano ed il settore ovest del Tirreno meridionale, tale posizione contribuirà ancora ad una ventilazione ancora vivace compresa tra ostro e libeccio, mar Ionio ancora molto mosso/ agitato al largo.

Non mancheranno neanche le piogge anche se il clou del maltempo riguarderà la Sardegna ed il tratto di mare antistante. Inizierà a piovere a ridosso dell’Etna Mercoledì, piogge poi destinate a riguardare un pò tutta l’Isola ma in modo irregolare, più diffuse in serata tra Sciacca, Trapani e palermitano.

Giovedì nuove piogge irregolari ma anche a sfogo temporalesco inizialmente tra Gelese, Agrigentino e Ragusano ma nelle ore pomeridiani anche il centro della Regione ed i rilievi principali potrebbero vedere rovesci sparsi, più favorite le coste sud occidentali ed aree esposte.

Meno esposta l’area dello Stretto di Messina viste le correnti libecciali, ma anche qui l’instabilità potrebbe produrre piogge irregolari.

Piogge irregolari ancora Venerdì 4 e nel weekend solo per le aree interne e montuose per via di instabilità pomeridiana sui rilievi. La depressione afro mediterranea si colmerà lentamente in loco puntando nuovamente il nord Africa. Per tali motivi, correnti settentrionali o nord orientali, variabilità ma piogge confinate solo su alcune aree.

Pubblicato il 29/04/2018 18:07

Altri articoli che potrebbero interessarti