Recuperata la fontana del ” Muricello “. Messina diventerà bellissima!

Recuperata la fontana del ” Muricello “. Messina diventerà bellissima!

Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

“Diventerà bellissima”, questo lo slogan elettorale che ci ha colpito particolarmente in questi giorni ma che allo stesso momento condividiamo. Tra tante promesse che spaziano tra la realizzazione del Ponte sullo Stretto, raddoppi ferroviari, infrastrutture faraoniche e compagnia bella, un messinese doc non può non pensare che la nostra città diventerà bellissima, proprio per il semplice motivo che lo è davvero nonostante le mille problematiche.

Messina è una città che per conformazione orografica è attraversata da valli e piccoli torrenti, responsabili della sua forma urbana attuale. In passato proprio questi torrenti e corsi d’acqua rappresentavano un prezioso patrimonio per la città  in quanto costituivano il bacino idrico di pozzi e fontane monumentali erette per soddisfare il fabbisogno della popolazione e celebrarne il progresso evolutivo.

Sono davvero tante le fontane monumentali a Messina, anche di grande pregio storico ed architettonico tanto che da sempre hanno suscitato interesse tra appassionati, studiosi e per le migliaia di turisti che transitano da qui. Purtroppo, parlando dell’offerta turistica che propone la nostra città di Messina, proprio le nostre fontane monumentali cittadine si trasformano in un tabù, per dirla in poche parole forse sarebbe meglio non farle vedere ai turisti, anzi a nessuno.

Laddove è presente dell’acqua troviamo un  “habitat tipico di palude equatoriale “, tra erbe infestanti, insetti di ogni tipo, topi, ma soprattutto esemplari di zanzare tigre composti da folti sciami pronti ad invadere i quartieri limitrofi. A nulla servono le campagne di sensibilizzazione contro la zanzara tigre se le nostre fontane rappresentano l’allevamento spontaneo di questo fastidioso insetto, oltre che potenzialmente pericoloso.

Oltre alla palude si riscontra la presenza di tanta immondizia composta da oggetti di ogni tipo, sia bottiglie di alcolici frutto delle follie notturne dei nostri giovani ma anche suppellettili di ogni genere e pezzi di scooter. Come non citare la fontana del Nettuno realizzata da Giovanni Angelo Montorsoli, un monumento di grande impatto per la nostra città e per i nostri turisti che una volta scesi dalla nave non vedono l’ora di ammirarla da vicino. Qui purtroppo lo spettacolo offerto è stato sempre penoso, sia dentro che fuori la fontana la realtà è sconcertante come le foto testimoniano senza pietà. ( foto di Pippo La Fauci ).

 

Tra tante chiacchiere e promesse  d’interventi ecco il fabbisogno concreto di recuperare pezzo dopo pezzo il patrimonio storico di questa città, ad iniziare dalle piazze storiche che da sempre rappresentano un punto di ritrovo vitale per un quartiere, fulcro di tutte le attività esistenti, da quelle ricreative a quelle commerciali, religiose e di pregio storico.

CENNI STORICI FONTANA DI PIAZZA LA CORTE CAILLER, MEGLIO NOTA COME “MURICELLO”.

La piazza La Corte Cailler originariamente non ospitava la fontana che oggi abbellisce la rotatoria stradale. Antecedentemente al terremoto del 1908 l’area era attraversata dal torrente Trapani il quale fu parzialmente coperto dopo tale data. Nel periodo preso in esame vi era una copertura in pietra lavica ed al centro del contesto stradale vi era, semplicemente, un lampione della pubblica illuminazione. Nelle foto a corredo si notano le importanti opere di recupero urbano caratterizzate dall’edificazione della chiesa di San Luca per interessamento del Vescovo di Messina Monsignor Paino e della scuola elementare Luigi Boer che mostra un prospetto monumentale abbattuto dopo il secondo conflitto mondiale. La piazza mantenne sempre il nome “Muricello” perché, come possibile notare in alcuni scatti, sino alla copertura totale del torrente Trapani, esisteva un piccolo muro d’argine realizzato in mattoni pieni soprannominato, per l’appunto, “muricello”. La fontana, che non ha alcun pregio artistico ma solo decorativo, su realizzata negli anni ’70 sotto sindacatura di Giuseppe Merlino.

ULTIMAZIONE LAVORI STRAORDINARI PRESSO LA FONTANA “MURICELLO” AD OPERA DELLA CARONTE & TOURIST.

Lo scorso 11/10 si sono conclusi i lavori di manutenzione straordinaria della fontana “Muricello” eseguiti dalle maestranze del Gruppo Caronte & Tourist. Gli interventi hanno comportato il completo rifacimento del fondo vasca, il ripristino del sistema d’illuminazione e la sostituzione della pompa idraulica. L’impegno degli Armatori locali ha garantito, in tal modo, il recupero totale di un bene della collettività che per troppi anni era caduto nel degrado più totale. La rotatoria La Corte Cailler, il cui spazio verde è stato adottato dai tiratori della Vara e dai commercianti del luogo, ha finalmente recuperato la dignità persa di un tempo. Trova così compimento l’intento dei promotori dell’iniziativa che, partendo proprio dal recupero di un bene comune, mira ad onorare la memoria di tutte le Vittime della strada e sul lavoro.

Ci auguriamo vivamente che tale intervento possa sensibilizzare chi di competenza al fine di recuperare davvero il nostro patrimonio monumentale offerto dalle nostre fontane cittadine. La speranza viene rivolta non solo alla nostra amministrazione, a quelle che verranno in futuro ma anche a tutti quei volontari che davvero sperano in una città turisticamente accogliente e bella da fotografare. Mai più vorremmo provare imbarazzo nel far girare le migliaia di turisti tra le nostre vie del centro storico, nè tanto meno vorremmo mai più far vedere a tutto il Mondo lo scempio patito in questi anni.

Un ringraziamento particolare va a Massimiliano Curtò per il grande impegno profuso nel conseguire tale risultato.

Pubblicato il 31/10/2017 18:07

Altri articoli che potrebbero interessarti