Ancora nubi irregolari, poi schiarite e momenti soleggiati. Perplessità riguardo la tanto invocata stabilità.

Ancora nubi irregolari, poi schiarite e momenti soleggiati. Perplessità riguardo la tanto invocata stabilità.

Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Archiviate le nevicate a quote sorprendenti per maggio e la fase instabile e sotto media anche in Sicilia, si torna a parlare di normalità climatica ma non certo di stabilità.

L’estrema dinamicità che sta contraddistinguendo questo periodo dell’anno è dovuta proprio alla mancanza di stabilità nel Mediterraneo, quindi nessuna fase anticiclonica robusta in grado di far partire a pieno la stagione estiva o perlomeno capace di deviare le perturbazioni atlantiche alle alte latitudini. Senza l’alta pressione nel Mediterraneo ne viene fuori un caos modellistico, un quadro in continua evoluzione dove dopo una fase instabile ne sopraggiunge un’altra, dalle caratteristiche similari visto che il nord Atlantico continua ad inviare “messaggi freschi” verso il nostro Paese, inframezzate da aliti più miti ma altrettanto instabili dal nord Africa.

La settimana esordirà ancora con tante nubi sparse da Nord a Sud, Sicilia compresa dove si segnalano locali piovaschi tra la notte ed il primo soprattutto sul settore centro/orientale. Ampie schiarite diffuse nel corso del giorno ma nuovi addensamenti cumuliformi a ridosso delle aree montuose con probabili acquazzoni mentre altre zone rimarranno asciutte, addensamenti anche a ridosso della Calabria e nel pomeriggio sui principali rilievi. Venti deboli da nord, da ovest al mattino nel Tirreno, di libeccio nel settore del basso Tirreno, settore ovest. Mari poco mossi o localmente mossi. Temperature stazionarie.

Nei giorni a seguire ancora tanta instabilità al centro/nord, aree alpine, prealpine ed appenniniche e meno al Sud ed in Sicilia, forse l’unica regione questa graziata dal via vai di nubi che coinvolgeranno principalmente le coste tirreniche peninsulari dall’alta Calabria al Lazio. Tempo buono e soleggiato su tante province sicule e temperature nelle medie del periodo, ma senza entusiasmare visto che non si tratta di nessuna fase anticiclonica salda se non il beneficio di correnti prevalentemente occidentali.

Le tendenze per il proseguo della settimana indicano un nuovo guasto atmosferico in prossimità dell’ultimo weekend di maggio, anche se gli aggiornamenti modellistici serali hanno ridimensionato o stravolto la tendenza, segno che l’atmosfera è alquanto dinamica ed è bene non spingersi oltre come lasso temporale.

A confronto il modello giapponese UKMO ed il modello britannico ECMWF riguardo la presunta goccia fredda in arrivo per il prossimo weekend.

Pubblicato il 19/05/2019 23:55

Altri articoli che potrebbero interessarti