Ancora clima estivo ma con ottobre ecco la prima perturbazione autunnale!

Ancora clima estivo ma con ottobre ecco la prima perturbazione autunnale!

Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Settembre sta per salutarci e lo sta facendo regalandoci giornate pienamente estive, sia dal punto di vista termico che per le condizioni meteo marine.

Nonostante l’estate meteorologica sia terminata da un mese, nessuno se n’è accorto, anzi per chi ha potuto frequentare le nostre spiagge ed il nostro mare, ha potuto usufruire di ben 4 mesi d’estate piena tra bagni fantastici, tintarelle ed attività ricreative all’aperto di ogni genere. E’ stata una pacchia anche per tutti i locali che hanno proposto un servizio all’aperto, proprio per coloro che hanno voluto sfruttare il mese di settembre così generoso, è stata veramente una stagione molto positiva.

Detto questo, il tempo sarà ancora splendido lunedì ma con il mese d’ottobre ormai alle porte, qualcosa cambierà dal punto di vista atmosferico ed accadrà già da mercoledì 2 ottobre allorquando una saccatura di matrice nord atlantica si estenderà verso il Mediterrano centro/occidentale. La risposta sarà inizialmente un richiamo di correnti miti ed umide sciroccali, fortemente instabili tali da innescare i primi temporali e probabili nubifragi verso ia Liguria, aree alpine e prealpine e sul nord Est, coste  toscane, laziali e poi campane. Temporali anche verso la Sardegna e prime piogge sulla Sicilia.

Giovedì 3 ottobre il maltempo coinvolgerà il resto del nostro Paese e punterà il sud, forti temporali dallo Ionio potrebbero puntare la Calabria, poi Puglia e Basilicata, altri il medio e basso versante Adriatico, verrà a strutturarsi un minimo oggi visto nei pressi della Sicilia per poi traslare verso lo Ionio. Venti ciclonici, instabilità accesa tra Calabria e Sicilia con alternanza di pause asciutte e momenti piovosi, il tutto in evoluzione man mano che si collocherà il minimo ionico. Da segnalare tutti i mari che da mossi si mostreranno molto mossi ed un calo vistoso delle temperature nei valori massimi.

Il maestrale e le nubi residue saranno presenti sino a sabato 5, ma il miglioramento sarà alle porte ed all’orizzonte si nota un periodo più stabile e mite grazie alla vicinanza dell’alta pressione delle Azzorre dalla Spagna, ma nel contempo si attiverà un flusso atlantico alle medie latitudini che potrebbe inviare verso il nostro Paese altre ondulazioni instabili, cosa che al momento è inutile vagliare visto l’elevato lasso temporale.

Sicuramente ottobre potrebbe anche regalare le classiche ” ottobrate “, periodi altrettanto molto miti e gradevoli, ma sappiamo bene come questo mese risulti potenzialmente pericoloso per i fenomeni violenti nel Mediterraneo, il nostro territorio così fragile merita sempre molta attenzione.

Foto di copertina di Antonio Aloisi.

 

Pubblicato il 29/09/2019 12:26

Altri articoli che potrebbero interessarti