Sarà una settimana vivace. Torna il maltempo e da giovedì l’inverno!

Sarà una settimana vivace. Torna il maltempo e da giovedì l’inverno!

Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Quando lo scirocco decide di mostrare i muscoli difficilmente esso fa sconti nei confronti della nostra riviera ionica.

Anche stavolta, la forza del mare ha seminato paura ed angoscia per i residenti del borgo marinaro di Galati Marina, i quali hanno dovuto gestire le onde giunte dal mare aperto per tutta la giornata di Sabato. Tutta la Sicilia orientale ha dovuto fare i conti con una mareggiata di scirocco ed ostro ampiamente annunciata, solo che i maggiori effetti si sono registrati laddove l’erosione costiera si mostra importante. Anche l’approdo di Tremestieri non è stato risparmiato dagli effetti della mareggiata da poco scemata, nuovi detriti sono riapparsi a distanza di tempo dal recente dragaggio che ha consentito all’approdo di tornare in funzione e liberare la città dall’invasione dei tir.

A corredo alcune foto scattate Sabato da Paolo Cernuto, altri metri di spiaggia sono stati cancellati, il mare ha invaso proprietà ed esercizi commerciali, un altro albero è stato inghiottito dallo Ionio. E’ il fallimento della classe politica che non ha saputo intuire in passato tali scenari oggi quasi irrisolbili, è il fallimento dell’uomo.

Inizio di settimana variabile. Mercoledì maltempo, da giovedì torna il freddo

Da tempo abbiamo messo tutti in guardia riguardo le potenzialità del mese di marzo, un periodo estremamente dinamico e di transizione che sa regalare giornate con sfumature tardo primaverili e magari scenari invernali importanti.

Da giorni i principali modelli matematici ipotizzavano scenari invernali in sede europea, con il ritorno del gelo e della neve su alcuni Paesi non lontani dal nostro Paese. Ebbene, l’inverno tornerà anche in Italia e lo farà in grande stile nel corso della settimana con episodi perturbati e nevosi anche a quote molto basse.

La settimana inizierà variabile nello Stretto di Messina con il ponente che renderà molto mosso il basso Tirreno, mentre piovaschi fugaci interesseranno le coste in modo irregolare, più probabili su Nebrodi, Peloritani ed Aspromonte. Per tali motivi patiremo un clima inaffidabile tra Messina e Reggio Calabria, nettamente migliore procedendo verso l’area ionica dove il sole sarà più frequente. Temperature massime in lieve flessione, mar Ionio ancora mosso per residua risacca, in fase di attenuazione.

Martedì 20 sarà un giornata di transizione in quanto ad ovest si scaverà una saccatura colma d’aria fredda destinata a coinvolgerci entro la giornata successiva. In questo frangente la ventilazione si disporrà dai quadranti meridionali o libecciali, solo verso sera si verificheranno delle piogge ad iniziare dal trapanese e palermitano. Vaste zone soleggiate ed asciutte al mattino.

Mercoledì 21 ci attendiamo una giornata progressivamente compromessa dal maltempo, allorquando nei pressi della Sicilia si genererà una depressione insidiosa tale da apportare entro sera piogge localmente abbondanti ed insistenti soprattutto sul settore orientale.

Probabile convergenza tra correnti miti ed umide sciroccali e l’aria fredda di matrice artica in seno al vortice depressionario in evoluzione verso l’alto Ionio. Se gli scenari verranno confermati, tornerà a nevicare in modo copioso sull‘Etna mentre giungerà tanta pioggia preziosa, unitamente a condizioni meteo marine avverse su tutti i bacini e mareggiate.

Giovedì 22 l’evoluzione del minimo depressionario verso la Puglia spalancherà la porta dei freddi venti balcanici, quindi un progressivo ma netto calo termico su valori invernali soprattutto entro il pomeriggio/sera, piogge copiose e frequenti sul nord Sicilia con probabili episodi grandinigeni e neve sui rilievi siculi inizialmente a quote di montagna, poi anche sotto la soglia dei mille metri di quota.

Venerdì 23 sarebbe la giornata più fredda della settimana con correnti fredde di maestrale, fenomeni frequenti sul nord Sicilia, piogge lungo le coste, locali grandinate, mentre la neve potrebbe depositarsi oltre i 600m di quota, motivo per cui tanti comuni Nebroidei rivedranno scenari tipicamente invernali.

Probabilmente per la prima volta anche i Peloritani che contornano la nostra città potrebbero vedere la prima vera nevicata della stagione invernale, anche se ci troviamo ufficialmente in primavera, un dettaglio che lascia il tempo che trova per il mese di marzo.

Saranno necessari pertanto interventi spargisale lungo le arterie stradali di montagna e tanta prudenza negli spostamenti viste le condizioni in cui versano innumerevoli strade provinciali. Da tempo il Sindaco di Montalbano Elicona Filippo Taranto ne denuncia lo stato precario, una situazione inaccettabile che merita interventi risolutivi al più presto.

Vi invitiamo pertanto a consultare i prossimi bollettini meteo viste le condizioni di tempo avverse pronosticate, le quali meritano continui aggiornamenti.

 

 

 

 

Pubblicato il 18/03/2018 23:10

Altri articoli che potrebbero interessarti