Attesa burrasca di ” Ostro ” nello Ionio. Mareggiata ionica imminente!

Attesa burrasca di ” Ostro ” nello Ionio. Mareggiata ionica imminente!

Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

La dinamicità di marzo è nota non solo per gli sbalzi termici, per l’inaffidabilità delle condizioni atmosferiche ma soprattutto per il vento, il quale nello Stretto di Messina assume anche connotati di tempesta proprio nel periodo primaverile.

Dopo le correnti fresche atlantiche si cambia nuovamente musica nei mari che circondano la Sicilia, stavolta entreranno di scena nuovamente i venti meridionali, in particolare il così detto “ostro”, quel vento indicato nella rosa dei venti dal sud pieno. L’affondo artico proveniente dall’artico russo e diretto verso l’Europa, unitamente ad un crollo pressorio ad ovest dei mari italiani causerà condizioni di tempo avverso in sede mediterranea, preceduto da impetuosi venti meridionali ( ostro e libeccio ).

Già in queste ore i venti meridionali iniziano a farsi sentire nel settore nord dello Stretto di Messina ma il vento tenderà ad aumentare notevolmente la sua intensità nel corso della giornata di Venerdì 16 tale da assumere carattere di burrasca. Stavolta non si tratta del solito “vento orografico” dello Stretto, bensì di un flusso potente ed impetuoso che coinvolgerà tutto lo Ionio tale da rendere il mare da molto mosso ad agitato. Il picco massimo verrà raggiunto tra la notte e la mattina di Sabato, momento in cui giungeranno onde anche prossime ai 3 metri ed oltre con picchi isolati di 4 metri. Una pessima notizia per il nostro litorale ionico già alquanto compromesso dall’erosione costiera e dalle precedenti mareggiate. L’avviso verrà rivolto ancora una volta agli abitanti del borgo marinaro di Galati Marina i quali rivivranno le solite paure ed ansie per il mare a due passi da casa.

Consigliamo pertanto agli amministratori a prendere le giuste contromisure al fine di gestire al meglio ciò che potrebbe divenire facilmente un’emergenza, visto i tratti costieri ridotti ai minimi storici, i quali necessitano interventi massicci e non solo tampone.

Pessime notizie anche per l’approdo di Tremestieri, recentemente svuotato dalla sabbia accumulatosi a seguito delle precedenti sciroccate. Pensate che proprio ieri sono state consegnati i lavori per la realizzazione del secondo approdo!

I venti meridionali cesseranno di spirare entro Sabato 17, sostituiti da un gagliardo ponente e maestro, un calo termico vistoso e precipitazioni in arrivo dal Tirreno.

A seguire si aprirebbe un periodo instabile/perturbatp e moderatamente freddo ed il ritorno della neve sull’Etna e sugli Appennini, in linea con le caratteristiche di marzo per l’appunto.

Ne riparleremo nel prossimo bollettino meteo. Seguite pertanto gli aggiornamenti nella nostra pagina ufficiale facebook!

Pubblicato il 15/03/2018 13:02

Altri articoli che potrebbero interessarti